mercoledì 15 aprile 2009

Interconnessione


Un concetto implicito nelle descrizioni e nelle ambientazioni del Sutra del Loto è quello dell'interconnessione. La presenza di tanti tipi di creature, razze e specie, umane, non-umane, divine, tutte riunite intorno al Buddha, fa subito pensare alla molteplicità e all'unità, alle miriadi di esseri e, contemporaneamente, ad un profondo legame, allo scopo comune della felicità, dell'Illuminazione, dell'interezza. Questa impressione di unità nella complessità e di complessità nell'unità non riguarda soltanto la differenziazione delle specie viventi, la già citata biodiversità, ma anche lo spazio, gli spazi, le infinite o indefinite "terre" o piani di esistenza descritti e illuminati dalla luce del Tathagata. Non solo, anche il tempo, in questo Sutra, travalica i consueti confini: il passato, il presente e il futuro si estendono a dismisura in innumerevoli sfaccettarure del trascorrere e, contemporaneamente, si manifestano come specificazioni dell'eternità, di un qui-e-ora atemporale e aspaziale. In effetti il Sutra, attraverso le metafore, le immagini che evoca e il simbolismo, veramente parla dell'Illuminazione, la fa quasi percepire, apre il cuore e l'immaginazione ad essa. Soprattutto non la rappresenta lontana, in un'altra e irraggiungibile condizione della coscienza, bensì concretamente vicina, nella sua globalità, indefinibilità, unitarietà, vastità e, paradossalmente, tangibilità. Non meraviglia che sia il Gran Maestro T'ien T'ai che Nichiren Daishonin, commentando il Sutra del Loto, abbiano indicato delle leggi segrete nascoste nella sua profondità. Segrete, sì, ma anche in qualche modo accessibili, evidenti, mai veramente occultate...

1 commento:

  1. Ciao. Anche il mio blog è a pois come il tuo!
    Senti, proprio ieri ho fatto un post riferito al sutra del loto, e poi oggi trovo il tuo blog... mi sono collegata al tuo, ma nn vedo le finestrelle di chi lo segue! perchè nn le metti? basta che vai ad aggiungi un gadget, e lo inserisci.. è il primo che trovi!
    Grazie per il tuo lavoro... e buon lavoro!

    RispondiElimina